“Fai il sonno se lo vuoi fare: sei piccolina, non farti picchiare”




Se il bimbo non dorme, lo minaccio. La malattia, la morte, la paura.

Fai la nanna, che tu crepi;

ti portassino via i preti,

ti portassino al Camposanto;

fa’ la nanna, angiolo santo.

(Valdelsa, Toscana – 1891)

______

Nana, cuncheta,

mama è andacia a messa,

papà l’è andacc al bosc,

piè na svarzela

për dè sül cül a la mata bela.

(Moncalvo, Asti – 1888)

[Nanna, conchetta, mamma è andata a messa, papà è andato al bosco a prendere una verga par darla sul culetto alla bambina bella]

______

Fa la nanna e mi burdlin,

sta cuntent che tu se’ znin;

e s’tu megn tu cresaré

e s’tu chemp tu pianzaré.

(Dovadola, Forlì)

[Fai la nanna fanciullino mio, stà contento che tu sei piccino, se tu mangi crescerai, e se campi piangerai.]

______

Ninnarèdde, ninnarèdde,

quanne t’honn’ a senà le cambanèdde.

Quanne t’honn’a senà le cambàne grosse,

allore t’honn’a pertà iìnd’a la fosse!

(Bari – 1968)

[Ninnarella, ninnarella, quando suoneranno le campanelle. Quando suoneranno le campane grosse, allora ti porteranno nella fossa]




Nanna nanna, figliu caru

prima ‘te visciu mortu ca ‘m peccatu.

(Calimera, Lecce – 1912)

[Ninna nanna, figlio caro, ti veda prima morto che in peccato]

______

Ninna nanna

che verrà prete Capanna,

porta via tutte le donne

e il mi’ bimbo se nun dorme.

(Pisa – 1891)

______

E lu me figgiu l’aiu malatu ‘ranni,

cci vo’ lu latti ri la primalura;

Chiddu ri la mammuzza cci fa dannu;

ci l’at’ a ddari ‘ui, bbedda Signura.

(Chiaramonte, Ragusa – 1887)

[Il mio figliolo è molto malato, gli voglio dare il latte della primipara; quello della mammina gli fa danno; glielo dovete dare voi, bella signora.]

______

Fatte glie suonne si tte glie vuò fare:

sì ppiccerella, nen te fa’ menà.

(Castro dei Volsci, Frosinone – 1916)

[Fai il sonno se lo vuoi fare: sei piccolina, non farti picchiare]

______

Nanna nanna nanna.

Quantu timu cu nu’ se ncagna,

sse pigghia malincunìa,

mmalazza e more fa figghia mia.

(Lecce – 1885)

[Nanna nanna nanna. Quanto temo che non s’imbronci, che si pigli malinconia, si ammali e muoia la figlia mia.]

______

Fate la nanna, bambinello riccio,

la mamma ve le dà le sculacciate,

e poi ve fa dormì nel pagliericcio,

fate la nanna, bambinello riccio.

(Lugnano in Teverina, Terni – 1911)

Fonte:

Le ninne nanne italiane (Einaudi Editore, 1994)

a cura di Tito Saffioti




VUOI CONOSCERE ALTRE NINNE NANNE?

Potresti leggere