“L’uomo superiore è cauto quando non conosce. Se le parole non sono ragionevoli, gli affari non giungono a compimento”.

IL PENSIERO DI CONFUCIO

Mentre in India predicava Buddha e in Iran Zarathustra, in Cina Confucio diffondeva la sua concezione morale che, essenzialmente, fondeva un ideale di armonia interiore ed esteriore con la volontà di un costante impegno sociale. Per i suoi insegnamenti sceglieva un linguaggio diretto e concreto, in forma di brevi battute o di epigrammi. In questa pagina raccogliamo alcune delle massime più belle: messaggi antichi ma spesso attuali, frasi in grado di generare ancora oggi una profonda eco nel cuore di chi legge.



Il Progresso Morale

  • Ogni giorno esamino me stesso su tre questioni: 1. se agendo per gli altri sono stato leale; 2. se trattando con gli amici sono stato sincero; 3. se metto in pratica ciò che trasmetto agli altri.
  • Essere sostanzialmente esigenti con se stessi e poco con gli altri; allora si tiene lontana ogni animosità.
  • A casa essere rispettosi; nel trattare gli affari essere riverenti, e nei rapporti con gli altri essere leali. Persino se si vive tra i barbari, non si può rinunciare a queste qualità.
  • In pubblico comportati come se accogliessi un ospite di riguardo; tratta la gente come se stessi celebrando un sacrificio importante; non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. Non sorgeranno così ostilità nei tuoi riguardi né nello Stato, né nelle grandi famiglie.
  • Agire è difficile. Come non essere cauti quando si parla?
  • L’uomo risoluto, costante, semplice, attento nel parlare è vicino alla virtù dell’umanità.

Studio ed Educazione

  • Quando incontri un uomo virtuoso pensa ad emularlo; quando incontri un uomo privo di valore ripensa a te stesso e fatti l’esame di coscienza.
  • Combattere i propri difetti e non quelli degli altri non è riformare e correggere il male?
  • In antico chi studiava lo faceva per se stesso. Oggi chi studia lo fa per gli altri.
  • Il giovane sia filiale verso i genitori in casa e rispettoso verso i più anziani fuori; sia prudente e nello stesso tempo sincero; trabocchi d’amore per tutti, ma frequenti i virtuosi; con le energie che restano si dedichi alla propria coltivazione.
  • Non coltivare la virtù, non discutere su ciò che si è appreso, non essere in grado di seguire i valori di cui si è udito, non riuscire ad emendare i difetti: questo è quanto io temo.



Pietà filiale e Famiglia

  • L’uomo superiore coltiva le fondamenta e se le fondamenta sono ben salde, la Via è stabilita. La pietà filiale e il rispetto per i più anziani costituiscono le fondamenta della virtù dell’umanità.
  • Oggi per pietà filiale si intende sostenere i genitori. ma, persino i cani e i cavalli sono nutriti. Se manca il rispetto, che differenza c’è?
  • Si vedano le intenzioni di un uomo quando il padre è in vita e le sue azioni quando il padre è deceduto. Solo se per tre anni non devia dalla via del padre, si può parlare di pietà filiale.
  • Non opporsi (ai genitori). Quando sono in vita, servirli secondo le norme di buon comportamento e i riti, dopo la morte seppellirli secondo i riti e celebrare in loro onore i sacrifici secondo i riti.

La Religiosità laica

  • Se uno offende il cielo, non ha a chi rivolgere le proprie preghiere.
  • Dedicarsi a ciò che è giusto per la gente e tenersi lontani, pur rispettandoli, dagli spiriti superiori e inferiori.
  • Se non sei in grado di servire gli uomini, come puoi servire gli spiriti?
  • Se non hai ancora compreso che cos’è la vita, come potresti conoscere della morte?
  • È l’uomo che può rendere grande la Via e non la Via che rende grande l’uomo.

Riti e Norme di Condotta

  • Se l’uomo non ha umanità, a che gli servono i riti? Se non ha umanità, a che gli serve la musica?
  • Non merita la mia considerazione chi, stando in alto, non è magnanimo, chi celebra i riti senza rispetto, chi attende alle cerimonie funebri senza dolore.
  • Nelle cerimonie la frugalità è preferibile al lusso, nei riti funebri il dolore è preferibile alla forme esteriori.
  • Quando chi sta in alto ama i riti, il popolo facilmente si lascia guidare.
  • Essere rispettosi senza i riti e le norme di condotta è faticoso, essere cauti senza i riti e le norme di condotta è viltà, essere coraggiosi senza i riti e le norme di condotta è rivolta, essere schietti senza i riti e le norme di condotta è rudezza.
  • Da giovane non eri rispettoso verso gli anziani; da adulto non hai compiuto nulla di rilevante; da anziano non vuoi morire: è una vita da bandito!



TI PIACE CONFUCIO?

Potresti leggere