“Ninna nanna canto a questa bambina. Fasce e non fortuna, mi mise mia madre.




Quando la ninna nanna è uno sfogo per la donna.

Ci-ci ninà pipin di scune,

che la mame si consume,

si consume a pôuc a pôuc

come il len su pal fôuc.

Il papà l’è lad a sea;

la gialine a cocodà,

a j’è lade a fa il coc

su la quarte dal pitoc.

Il pitoc a i cor daur

la gialine a scampe für.

(Friuli)

[Ci-ci ninà bambino di culla, che la mamma si consuma, si consuma a poco a poco, come legna sopra il fuoco. Il papà è andato a segare; la gallina a “coccodare”, se n’è andata a fare l’uovo, sulla coperta del mendicante. Il mendicante le corre dietro, la gallina scappa fuori]

______

Troitina, dundeina, troitina, dundun.

Travaja, povr’om, t’arè mai nen.

T’è nà s’la paja, t’morrè sul fen.

Troitina, buntemp.

(Val Soana, Torino)

[Troitina… lavora, pover’uomo, non avrai mai nulla. Sei nato sulla paglia, morirai sul fieno]

______

Fa nanin, popin da cüna,

che ‘l tò pà patiss la luna;

al la patiss un po’ da spèss

fa nanin, popin da gèss.

(Sala Capriasca, Canton Ticino)

[Fai la nanna, bimbo di culla, che tuo padre patisce la luna; la patisce un poco spesso, fai la nanna bimbo di gesso]

______

E co la nina,

e co la nana;

e co la nana,

no se fa mai dì.

Oh chi me tien,

che no me scana?

Agiunto, mama,

no posso più!

(Venezia)

[E con la ninna, e con la nanna; e con la nanna, non si fa mai giorno. Oh, chi mi tiene dallo scannarmi? Aiuto, mamma, non ne posso più!]




Fa la nanna, Ninno bello,

mamma toja ha da fategà!

Ha da ffà la cauzzettella:

duormi, duormi, Ninno bello.

(Sturno, Avellino)

[Fai la nanna, Ninno bello, la tua mamma ha da lavorare! Deve fare la calzetta: dormi, dormi, Ninno bello]

______

Nònna nònna, puppereppù,

chi è kkijje che stà che ttè?

T’è le corna i vvove nenn è.

È i patrone re chèsta casa

ch’è mmenute a ccummannà.

(Arpino, Frosisnone)

[Ninna nanna, pippureppù, chi è quello che è con te? Ha le corna e non è un bue. È il padrone di questa casa, che è venuto a comandare]

______

Ninàn, ninàn, ninàn

e babèn l’è de magnàn

e magnàn l’è andato via

e babèn l’è armast e mi.

(Romagna)

[Ninna ninna ninna, il bambino è dello stagnino, lo stagnino è andato via, il bambino è rimasto a me]

______

Povera me, povera me,

ho due figli e mò ne ho tre!

E già che ci combatto

mi pare di averne quattro!

E già che gli fò il pancotto

mi pare proprio d’averne otto!

Povera me, povera me,

ho due figli e mò ne ho tre!

(Canale di Orvieto, Terni)

Fonte:

Le ninne nanne italiane (Einaudi Editore, 1994)

a cura di Tito Saffioti




VUOI CONOSCERE ALTRE NINNE NANNE?

Potresti leggere