“Sonno, sonno, che sonno sia, fai addormentare la bimba mia”




Ninne Nanne per farlo dormire. La magia del canto.

O suonnu, si t’avissi a li mia mani,

ju chiusu ti tenerra ‘na simana.

O suonnu, chi ti via marturiatu,

cumu nu’ duormi, quannu sì cantatu!

(Castrovillari, Cosenza)

[O sonno, se ti avessi fra le mani, ti terrei chiuso una settimana. O sonno, vorrei vederti martirizzato, come non dormi, quando sei cantato!]

______

Tutt li sant’ij voggke chiamè

ma Sammechel’a cchiù de tutt.

Sammechele ca si cckiù putente

libbere lu uagnone mij da li Turche

da li Turche e da la mala gente

lebber’a lu uagnone mij ca è ‘nnucente.

(Monte Sant’Angelo, Foggia)

[Tutti i santi voglio chiamare, ma san Michele più di tutti. San Michele che sei il più potente, libera il mio ragazzo dai turchi, dai Turchi e dalla cattiva gente, libera il mio ragazzo che è innocente]

______

Nonna nonnòooooo.

E suonno, suonno, che triche e nu’ biene,

vi’ quanta ce ne vonno priarie,

vi’ quanta priarie che bo’ lu suonno

lu chiammo ‘a notte e chillo vene a ghiuorno.

(Napoli)

[O sonno, sonno, che ritardi e non vieni, vedi quante preghiere ci vogliono, vedi quante preghiere vuole il sonno, lo chiamo di notte e quello viene di giorno]

______

E ninna nanne

e nninna vole,

fàuue alzà sùbbete crà.

Pe sscì a la scole.

(Bari)

[E ninna nanna, e ninna vola, fallo alzare subito domani. Per andare a scuola]

______

Sonno, sonno che viè da l’Oriente,

fateme addormì quest’inoscente;

sonno, sonno che viè da le mura,

fatemi addormì questa cratura.

(Roma)




Fagli la nanna e cullala pian piano

tanto ch’io faccia questa fascia lunga,

e la faccia la ruta ed il finocchio,

la bimba è bella e non colga il mal d’occhio,

e lo faccia il finocchio e la ruta

il bimbo è bello e Gesù l’aiuta.

(Pisa)

______

Ninna nanna, che possi dormire,

la notte sana e la mità del dìne:

ninna nanna, che possi pia ‘l sonno

la notte sana e la mità del giorno.

(Marche)

______

Dormi dormi frichinittu

chè te guarda l’Agnulittu

e Gesù e la Madonna

dormi dormi, coccu de nonna.

(Pioraco, Macerata)

Fonte:

Le ninne nanne italiane (Einaudi Editore, 1994)

a cura di Tito Saffioti




VUOI CONOSCERE ALTRE NINNE NANNE?

Potresti leggere